The Rose Trilogy, il libro di Maria Tedeschi nella versione inglese

The Rose Trilogy è la raccolta di tre racconti della scrittrice campana Maria Tedeschi. Questo libro rappresenta un pezzo unico nel genere dei racconti, per la sua originalità e vivacità espressiva.

Le trame dei tre racconti di The Rose Trilogy
Il primo racconto si intitola La “Rosa” gialla: La caffettiera era uno degli effetti personale della Signora Rosa e dopo la sua morte gli eredi la ritennero inutile e la gettarono nella spazzatura. Si ritrova accanto ad un vecchio taccuino utilizzato dalla signora per segnare i numeri della Smorfia.
Il taccuino e la caffettiera cominciarono a parlare dei bei tempi andati, così nacque un’amicizia sincera e forte. I due oggetti si diranno addio il giorno dopo, quando il camion della nettezza urbana verrà a prelevarli per lo smaltimento nella discarica.
Il secondo racconto è Il diario dell’imperfezione: la rosa rossa.

La scrittura può essere una grande terapia per chi la…

View original post 347 altre parole

Pubblicità

Segnalazione THE ROSE TRILOGY di Maria Tedeschi

SOGNANDO DI SCRIVERE

Il nuovo libro di Maria Tedeschi, versione in inglese

The Rose Trilogy è la trilogia della scrittrice Maria Tedeschi, che rappresenta un pezzo unico nel genere dei racconti, per la sua originalità e vivacità espressiva.
Queste le sinossi in italiano delle tre storie raccolte in The Rose Trilogy:

La “Rosa” gialla
La caffettiera è uno degli oggetti della signora Rosa, che, alla sua morte, gli eredi hanno ritenuto senza valore e gettato nei rifiuti. Si ritrova accanto a un vecchio quaderno che fa capolino dai rifiuti di carta: una sorta di diario, in cui la donna appuntava i suoi pensieri, a cui faceva corrispondere un numero della Smorfia napoletana. Il quaderno e la caffettiera iniziano a dialogare, ingannando il tempo che precede la loro fine, ricordando i “bei tempi”, quando erano indispensabili e molto apprezzati in casa e le esperienze vissute accanto a Donna Rosa. Da quell’ incontro casuale, nascerà…

View original post 581 altre parole

“The Rose Trilogy”: il nuovo libro di Maria Tedeschi

Ottiche Parallele magazine

La trilogia uscita in lingua inglese sarà presto pubblicata anche in versione italiana per la Di Carlo edizioni.Un pezzo unico nel genere dei racconti, per la sua originalità e vivacità espressiva.

The Rose Trilogy” è la trilogia della scrittrice Maria Tedeschi, che rappresenta un pezzo unico nel genere dei racconti, per la sua originalità e vivacità espressiva.

Queste le sinossi in italiano delle tre storie raccolte in “The Rose Trilogy”:
La “Rosa” gialla
La caffettiera è uno degli oggetti della signora Rosa, che, alla sua morte, gli eredi hanno ritenuto senza valore e gettato nei rifiuti. Si ritrova accanto a un vecchio quaderno che fa capolino dai rifiuti di carta: una sorta di diario, in cui la donna appuntava i suoi pensieri, a cui faceva corrispondere un numero della Smorfia napoletana. Il quaderno e la caffettiera iniziano a dialogare, ingannando…

View original post 570 altre parole

SEGNALAZIONE USCITA

Letture e sogni

Che bella Cover!!!

Il nuovo libro di Maria Tedeschi, versione in inglese

The RoseTrilogyè la trilogia della scrittrice Maria Tedeschi, che rappresenta un pezzo unico nel genere dei racconti, per la sua originalità e vivacità espressiva.
Queste le sinossi in italiano delle tre storie raccolte in The RoseTrilogy:

La “Rosa” gialla
La caffettiera è uno degli oggetti della signora Rosa, che, alla sua morte, gli eredi hanno ritenuto senza valore e gettato nei rifiuti. Si ritrova accanto a un vecchio quaderno che fa capolino dai rifiuti di carta: una sorta di diario, in cui la donna appuntava i suoi pensieri, a cui faceva corrispondere un numero della Smorfia napoletana. Il quaderno e la caffettiera iniziano a dialogare, ingannando il tempo che precede la loro fine, ricordando i “bei tempi”, quando erano indispensabili e molto apprezzati in casa e le esperienze vissute accanto a Donna Rosa. Da quell’ incontro casuale, nascerà…

View original post 513 altre parole

SEGNALAZIONE USCITA

Letture e sogni

Cover meravigliosa ♥️

Il nuovo libro di Giacinto Plescia

Di fronte alle manifestazioni della forza della natura e delle umane tragedie sorge il senso della paura e dell’angoscia ma anche della bellezza e del sublime.
La bellezza presuppone forma, misura, proporzione, simmetria, il sublime richiama grandezze incommensurabili che generano sgomento e terrore.
La bellezza e il sublime sono due poli in un continuo: un polo è la bellezza associata a un principio di organizzazione, l’altro rappresenta una disorganizzazione, una distopia e scaturisce dalla scoperta dell’abisso costitutivo dell’esistenza.
È la differenza tra due spazi topologici che s’incontrano come in un nastro di Möbius: un fiore, un poema, un dipinto, o un brano musicale, che possieda bellezza del primo genere può essere vista anche come bellezza del secondo genere.
Si ha la compresenza di due sensibilità in una: la physis, bistabile, si biforca e abita lo spazio möbiusiano: un meta-paradigma aldilà della…

View original post 122 altre parole

Segnalazione LA BELLEZZA, LA FILOSOFIA E IL MOBIUS STRIP di Giacinto Plescia

SOGNANDO DI SCRIVERE

Il nuovo libro di Giacinto Plescia

Di fronte alle manifestazioni della forza della natura e delle umane tragedie sorge il senso della paura e dell’angoscia ma anche della bellezza e del sublime.
La bellezza presuppone forma, misura, proporzione, simmetria, il sublime richiama grandezze incommensurabili che generano sgomento e terrore.
La bellezza e il sublime sono due poli in un continuo: un polo è la bellezza associata a un principio di organizzazione, l’altro rappresenta una disorganizzazione, una distopia e scaturisce dalla scoperta dell’abisso costitutivo dell’esistenza.
È la differenza tra due spazi topologici che s’incontrano come in un nastro di Möbius: un fiore, un poema, un dipinto, o un brano musicale, che possieda bellezza del primo genere può essere vista anche come bellezza del secondo genere.
Si ha la compresenza di due sensibilità in una: la physis, bistabile, si biforca e abita lo spazio möbiusiano: un meta-paradigma aldilà della metafisica-ermeneutica-epistemica.

View original post

L’Erranza – Il pensiero poetante di Giacinto Plescia

alessandriaonline.com

L’Erranza – Il pensiero poetante di GiacintoPlescia

SUDANADIA ARNICE AUTRICEIN2022

Poesie di Giacinto Plescia

Arte e ricerca scientifica, dall’ideale greco di bellezza, ai solidi platonici, alla sezione aurea ed alla prospettiva vivono un dialogo mai interrotto. Lucrezio parla del vuoto e ci fa ricordare l’indeterminazione di Heisenberg e Planck, per Galileo “la natura parla la lingua della matematica” e Douglas Hofstadter evidenzia come in Escher convivono matematica, topologia e logica. Sulla natura, sul problema della conoscenza e del sapere s’ interroga l’opera di Leopardi, la sua poesia s’intreccia alla filosofia nei versi “questo globo ove l’uomo è nulla, sconosciuto è del tutto”, e alla matematica, segnatamente, alla topologia: i “nodi quasi di stelle” sono un riferimento ante litteram alla teoria dei nodi, i versi “le nostre stelle o sono ignote, o così paion… un punto di luce nebulosa” confermano la sua attenzione per l’universo e richiamano…

View original post 195 altre parole

Intervista: Le Storie di Irut

Avrei qualcosa da dire

Come mai ha deciso di scrivere?

Dall’esigenza di raccontare un finale diverso alle storie lette e dall’urgenza di narrare episodi di vita vissuta, che intrecciati con mondi ideali, consentissero al lettore di riscrivere la propria esistenza; immaginare e narrare mondi ideali nei quali, chiunque li legga possa interrogarsi o rivedersi in alcuni dei momenti descritti.

Ci parli di questo libro?

Il tema principale del libro è quello di mettersi in gioco, avere l’audacia per andare oltre i propri limiti e i propri confini mentali. Non aver paura delle conseguenze, perché anche quando le cose non vanno come le avevamo immaginato, l’esperienza acquisita ci servirà peril futuro evitando di rifare gli stessi errori o comprendere come meglio gestire situazioni analoghe che nel tempo dovessero ripresentarsi.

La scrittura è la tua passione da quando?

Da sempre, appena adolescente e consapevole delle mie facoltà mentali, quando qualcosa non andava, scrivevo, analizzando e “risolvendo”…

View original post 110 altre parole

Percorsi Intrecciati e vite parallele di Le Storie di Irut

Letture che passione!

l nuovo romanzo di Le Storie di Irut

Scelte casuali, azioni insignificanti, incontri inaspettati contribuiscono a comporre il puzzle di ogni esistenza. Imboccare una strada rispetto un’altra, trovarsi li, per caso, ti consentirà di vivere delle opportunità mai pensate prima. E solo quando s’inizia a desiderare, a diventare irrequieto, fissare prepotentemente ciò che è stato deciso debba succedere a noi, solo allora, ti rendi conto che non puoi più ignorarlo. Sarà così che inizierà il percorso, quelle piacevoli sensazioni, quelle coinvolgenti passioni, per il tempo a noi concesso. Così tutto sarà svelato, tutto sarà posto lì dove era previsto, mentre a noi resterà soltanto il retrogusto di quanto vissuto, la percezione che tutto sommato sia stato utile viverla.

Dalla lettura di questo romanzo si evince fin da subito la scrittura incredibilmente eccelsa. L’autore riesce ad accompagnarti in questa storia come se fosse una sola e lunga poesia, facendo diventare la…

View original post 118 altre parole